La palma da cocco è una pianta che origina dal sud america e dall’arcipelago indonesiano.
Il termine cocco racchiude molti significati, può indicare infatti: la palma, la noce, il frutto e la spezia.
La noce di cocco è composta da acqua per il 50%, della restante parte ben l’82% è rappresentata da grassi (saturi per il 76%), poi troviamo fibra, carboidrati, vitamine B-C-E-K soprattutto e sali minerali come ferro, potassio, rame, fosforo, zinco.
E’ caratterizzata da un elevato apporto calorico, ben 360 Kcal per 100 gr.
E’ nota a tutti la raccomandazione di limitare nella nostra dieta l’apporto di grassi saturi, ritenuti estremamente dannosi per la salute, in questo caso siamo di fronte ad una straordinaria eccezione, in quanto, è proprio l’elevato contenuto di grassi saturi a rendere il cocco una “spezia della salute”.
Cosa hanno di particolare quindi questi grassi del cocco? Sono trigliceridi a media catena (in gergo MCT), ed in effetti il cocco è la fonte più importante in natura di questa tipologia di grassi.
I trigliceridi a media catena sono altamente digeribili e rapidamente metabolizzati a livello epatico; sembra inoltre che questa rapida metabolizzazione sia associata ad un consumo calorico superiore al contenuto del grasso stesso. Alcuni studi hanno evidenziato un consumo calorico superiore di circa 100 kcal al giorno in persone che assumono molti MCT.
In sintesi, sembra proprio che questa tipologia di grassi possa aiutare a bruciare calorie e quindi essere un buon coadiuvante in una perdita di peso.

-I BENEFICI PER LA SALUTE-

PROBLEMI CARDIOVASCOLARI:
L’elevato contenuto di MCT e acido laurico favoriscono l’abbassamento del colesterolo cattivo (LDL) e l’innalzamento del buono (HDL). Il consumo abitale è stato associato anche ad un abbassamento della pressione arteriosa.

ANTIBATTERICO E ANTIMICOTICO:
L’acido laurico viene trasformato dall’organismo in monolaurina, molecola con azione battericida e antifungina. In vari studi si è dimostrata efficace contro batteri come lo Stafilococco Aureo, lo Streptococco, l’Enterococco o contro funghi come la Candida Albicans.

TUMORE DEL COLON:
L’elevato contenuto di molecole antiossidanti, come le catechine, svolgono un ruolo protettivo nei confronti della mucosa del colon.

DOLORE E INFIAMMAZIONE:
L’olio di cocco ha caratteristiche anti-infiammatosie e analgesiche, abbassa quindi l’infiammazione ed il dolore.

PELLE:
L’olio di cocco è molto utilizzato nella cosmesi per le sue qualità: altamente idratante, azione antirughe ed anti-invecchiamento, viene utilizzato anche per la cura dei capelli, li nutre ed è un rimedio contro la forfora.

CERVELLO:
Un cucchiaio di olio di cocco al giorno si è dimostrato essere un’ottima fonte di prevenzione per le malattie del sistema nervoso centrale, come l’Alzheimer. Anche l’acqua di noci di cocco ha le stesse caratteristiche, la prevenzione sembrerebbe legata alle sue caratteristiche estrogeno simili.

-COME PUO’ ESSERE CONSUMATO-

Acqua di cocco: contenuta all’interno della noce, è una fonte incredibile di potassio, molto utile negli sportivi.
Latte di cocco: estratto dalla polpa frullandola e poi mettendola a contatto con acqua calda. Bevanda saziante, ricca di vitamine, sali ed antiossidanti.
Olio di cocco: ottenuto dalla spremitura a pressione della polpa essiccata.
Spezia: ottenuta dalla polpa disidratata e grattugiata.

Eventuali complicanze: essenso ricco di fibra può essere mal tollerato da alcuni soggetti, generando gonfiore e flautulenza.

Dott. Alessio Dini