Alessio Dini

Alessio Dini

Medico Chirurgo, Biologo

Recensioni

Mi sono recata da lui spinta da mio marito in quanto non ero felice del mio aspetto , non convinta di riuscirci, invece dopo quasi un anno sono molto soddisfatta dei risultati raggiunti …ottimo professionista !!

Francesca

Professionalità, cortesia, umanità

Anna

COCCO: UN GRASSO, ALLEATO NELLA PERDITA DI PESO

La palma da cocco è una pianta che origina dal sud america e dall’arcipelago indonesiano. Il termine cocco racchiude molti significati, può indicare infatti: la palma, la noce, il frutto e la spezia. La noce di cocco è composta da acqua per il 50%, della restante...

leggi tutto

ELEMENTI NUTRITIVI NELLA DIETA MEDITERRANEA

Per elemento nutritivo si intende quella sostanza fondamentale per il nostro metabolismo, quindi per la produzione di energia necessaria per la vita. I principi nutritivi sono contenuti negli alimenti in vario modo e a seconda del fabbisogno vengono classificati...

leggi tutto

Vi attendo presso i miei studi su Arezzo e provincia e Cesena e Provincia.

- Nutrizione umana
- Nutrizione sportiva avanzata
- Nutrizione patologica ed oncologica
- Medicina Estetica
- Dimagrimento localizzato
- Lifting non chirurgico viso
- Trattamento cellulite
- Trattamento adiposità
- Trattamento smagliature
- Scopri gli altri trattamenti sul sito

NOVITÀ DI OTTOBRE: LASER VASCOLARE

Da ottobre iniziano i trattamenti con laser vascolare per telangectasie, micro varici e couperose.
...

View on Facebook

Per tutti quelli che ancora credono nella dieta dei gruppi sanguigni, leggete con calma e riflettete.

bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2018/10/15/la-dieta-dei-gruppi-sanguigni/
...

View on Facebook

Tumore seno, dimagrire in menopausa diminuirebbe i rischi!

Diminuire i rischi di cancro del seno durante gli anni della menopausa sarebbe possibile: secondo un nuovo studio americano, basterebbe dimagrire un po'. La ricerca pubblicata sulla rivista 'Cancer', ha analizzato i dati emersi dal "World Health Initiative Observational Study", che ha seguito per circa 12 anni la salute di 61.335 donne. Tutte perfettamente sane all'inizio della indagine. Altezza, peso, indice di massa corporea e mammografie delle volontarie sono state osservate a intervalli regolari.

Dopo 11 anni, 3.061 di queste donne hanno ricevuto una diagnosi di tumore della mammella: incrociando i dati, i ricercatori hanno scoperto tra le donne che avevano perso almeno il 5% del loro peso velocemente, ossia in tre anni, un 12% in meno di rischi di aver sviluppato la neoplasia rispetto a chi era ingrassata o aveva mantenuto un peso stabile. Per chi era ingrassata del 5% in più rispetto al peso iniziale, invece, è stato registrato un netto aumento dei rischi (pari a +50%) solo per quanto riguarda il tumore della mammella triplo negativo. Sugli altri tipi di cancro del seno, l'ingrassamento non avrebbe avuto alcun effetto.

www.dottnet.it/articolo/25725/tumore-seno-dimagrire-in-menopausa-diminuirebbe-i-rischi/?tag=10627...
...

View on Facebook

4 days ago

Dott. Alessio Dini - Medico

Corso di formazione sulle tecnologie laser - Milano #laser #laserdiodo #laserco2 #lasererbium #laserterapia #medico #medicinaestetica ...

View on Facebook

Gravidanza: l’assunzione di glutine può predisporre il bambino a diabete.

Secondo un nuovo studio di coorte prospettica pubblicato su Bmj, più la donna in gravidanza assume glutine, maggiore sarà il rischio che al figlio venga diagnosticato il diabete di tipo 1.

Lo studio
I ricercatori del Bartholin Instituttet del Rigshospitalet di Copenaghen, guidati da Knud Josefsen, hanno preso in esame 67.565 gravidanze relative a 63.529 donne arruolate nel Danish National Birth Cohort tra il 1996 e il 2002, insieme ai dati 1996-2016 del Danish Registry of Chilhood and Adolescent Diabetes. Le partecipanti hanno compilato questionari sulla frequenza alimentare a 25 settimane di gestazione. L’assunzione media di glutine era 13 grammi.

Le evidenze
Durante il follow up, durato in media 15,6 anni, 247 bambini (lo 0,37%) hanno sviluppato diabete di tipo 1. Il rischio di ricevere una diagnosi di questo tipo è aumentata costantemente con l’assunzione di glutine, con un rapporto di rischio aggiustato di 1,31 per ogni aumento di 10 grammi di glutine.“Ci sono alcune prove che il glutine potrebbe essere parte della patogenesi e anche dell’eziologia del diabete di tipo 1 – ha osservato Josefsen – Mentre uno studio di intervento che approfondisse la questione sarebbe estremamente difficile da portare a termine, un approccio da valutare potrebbe essere quello di togliere il glutine dalla dieta delle persone a rischio per vedere se si sviluppa o meno la malattia. Se si riesce a prevenirla si risparmia anche tempo, denaro e dolore. Una volta che si verifica la reazione immunitaria è invece molto difficile intervenire”.

Fonte:Bmj 2018

www.nutrieprevieni.it/gravidanza-lassunzione-di-glutine-puo-predisporre-il-bambino-a-diabete-ID18146
...

View on Facebook