LASER VASCOLARE 

CAPILLARI DILATATI?

La rete di capillari visibili, con una colorazione dal rosso al blu, si definiscono telangectasie. La loro comparsa dipende dalla dilatazione dei vasi sanguigni più piccoli che affiorano in superficie. Compaiono soprattutto negli arti inferiori.

Spesso rappresentano la sofferenza segmentaria del microcircolo, dovuta a molteplici cause.

TIPI DI CAPILLARI

Ne esistono di diversi tipi:

– Congeniti: evidenti già alla nascita (come ad es. gli angiomi) associati a varie malformazioni.
– Primitivi: insorgono in età giovanile (fragilità capillare).
– Secondari: possono insorgere a tutte le età (varie cause).

I secondari sono associati a:
– Patologie dermatologiche o sistemiche (livedo, sclerodermia, lupus, mastocitosi, ipertiroidismo, ecc.)
– P.E.F.S. o cellulite
– Traumi, stripping delle vene, cicatrici, scleroterapia
– Fratture trattate con immobilizzazione gessata
– Infiammazioni acute o croniche
– Radio-chemioterapie
– Trombosi profonde e superficiali
– Infiltrazioni di corticosteroidi
– Alterazioni patologiche plantari
– Reflussi varicosi
– Ipertensione venosa profonda.

COME FUNZIONA IL LASER VASCOLARE

Il laser è uno strumento elettromedicale selettivo perché colpisce i vasi sanguigni “malati” senza provocare danni ai tessuti circostanti. Il raggio laser arriva al capillare sotto forma di calore coagulandolo, per effetto del danno termico.

L’eliminazione totale del vaso si nota a distanza di circa 30-45 giorni.

DURATA DEL TRATTAMENTO

Dipende dall’estensione della zona da trattare, di solito va dai 30 minuti a massimo un’ora. In media una sessione richiede 2-4 sedute (a seconda della quantità di vasi da trattare).

IL TRATTAMENTO E’ DOLOROSO?

Il trattamento non è indolore. Si tratta di un disagio fastidioso ma sopportabile che può essere risolto ed alleviato con un raffreddamento cutaneo prima del trattamento laser.

INDICAZIONI POST TRATTAMENTO

Immediatamente dopo essere stati trattati si noterà un rossore che coinvolge la zona, tale rossore tenderà a scomparire nel giro di 2-3 giorni. Inoltre nei giorni successivi è probabile la formazione di crosticine.

Dopo la seduta laser è obbligatorio proteggere le aree trattate dai raggi solari con prodotti a schermo totale.
Nei 3 giorni successivi al trattamento si dovrà indossare delle calze a compressione graduata 140 denari, consigliabile continuare poi con delle 70 denari per altri 7 giorni.
Non ci si può sottoporre al trattamento con la pelle abbronzata o nei mesi estivi.

POSSIBILI COMPLICANZE

Le più comuni complicanze del laser sono: dolore all’impatto, microcroste, discromie cutanee che si risolvono nell’arco di 3-4 settimane.
Fragilità capillare e predisposizione a formare altri capillari permangono anche dopo trattamenti ineccepibili. La malattia varicosa è multifattoriale ed evolutiva. Le recidive insorgono quando non si adottano quei presidi che ne favoriscono la scomparsa.

PREVENIRE LE RECIDIVE

– camminare e regolare il peso

– alimentarsi con frutta ricca di antiossidanti (vitamine A.C.E.)
– utilizzare calze e calzature adeguate (eventuali plantari)
– indossare indumenti confortevoli
– assumere flebotonici e creme antiedema nei mesi estivi

Sono da evitare:
sedentarietà
sostanze alcoliche-ormonali
esposizioni prolungate al sole, forti escursioni termiche, lettini abbronzanti, saune, ecc.

SEDUTE

Generalmente da 2 a 4 con cadenza di circa 30-45 giorni.

PREZZI

Variano a seconda della estensione della zona da trattare. A partire da € 100